Ecco i candidati! Cooperativa sociale CASCINA BOLLATE Onlus

Potrebbero interessarti anche...

17 Risposte

  1. Marina Marini ha detto:

    Un lavoro eccezionale davvero quello di CascinaBollate, un sito utile e interessantissimo, sia come giardineri che come esempi

  2. Maria Laura De Vivo ha detto:

    Cascina Bollate è un bellissimo progetto per tutti quelli che ci lavorano , detenuti e non, ma anche per tutti quelli che come me lo hanno seguito per anni con visite corsi e acquisti. Attualmente grazie al web anche io che ormai mi sono trasferita in campagna a 700 km di distanza ( verso sud ovviamente) posso continuare a seguire le novità, i suggerimenti, e gli insegnamenti. Mi spiace che non posso più “andare in carcere” ma grazie a newsletter, Facebook e blog continuo a sentirmi parte della comunità di Cascina Bollate.
    Cascina Bollate è funky!

  3. Manuela ha detto:

    Dovrebbe essere così in ogni carcere. Imparare un lavoro come riscatto sociale, perchè se una prospettiva ce l’hai è meno difficile. Oltre a questo, che sarebbe già più che sufficiente, cos’altro mi piace di questo progetto? Lo “storytelling, le informazioni che attraverso il web ci arrivano, le piante a volte proprio insolite che ci fanno conoscere, i consigli. Il premio lo meriterebbero proprio

  4. marinella montesanti ha detto:

    Cascina Bollate è un’idea formidabile per aiutare chi è rinchiuso in carcere, per chi ama il verde e cerca professionisti amanti più del mondo botanico e meno del denaro. Mi piacerebbe ci fosse anche in altri carceri.

  5. Marta ha detto:

    Una boccata d’ossigeno!!!

  6. Annamaria ha detto:

    Loro piu di altri …..per cui vivva la cascina di bollate ,

  7. Anonimo ha detto:

    Grande iniziativa Cascina bollate illustre esempio di come si possa dare una seconda possibilità. Certo si deve lavorare duramente ma quanto si impara … orgogliosa di essere con voi !

  8. Cristiana ha detto:

    Collaboro con Cascina Bollate e credo davvero sia un progetto meritevole non solo per gli evidenti riscontri in recidiva in ogni carcere in cui i detenuti lavorano davvero ma anche perché si impara tutti, giardinieri detenuti, giardinieri volontari e collaboratori che il lavoro restituisce dignità alle persone e che imparare dai fallimenti è la lezione più importante che uno possa imparare nella vita.

  9. Monica ha detto:

    Grazie per questo encomiabile lavoro!

  10. Susanna ha detto:

    Grazie per la vostra attività.

  11. Bartolomeo ha detto:

    Complimenti!un gran progetto

  12. margherita ha detto:

    un bellissimo vivaio, un grande progetto. bravi!

  13. Paola Marcialis ha detto:

    Da giardiniera per diletto e da professionista del sociale, trovo che Cascina Bollate sia un luogo pieno di fascino e di cura. Agire con attenzione ai dettagli e con una visione d’insieme artistic è un’arte e la serra ne è piena. Un luogo etero-topico, una utopia ben radicata da far conoscere e da valorizzare! Leggere i post di Cascina è un farmaco dell’anima

  14. Lara ha detto:

    Progetto molto intelligente, che affronta la realtà in modo creativo portando un contributo concreto per renderla migliore. E le piante… che meraviglia… Si riempie il cuore…. Grazie di esserci!

  15. Isabella Serri ha detto:

    Susanna, una donna meravigliosa che con la sua tenacia, intelligenza e caparbietà è riuscita a creare un vivaio , nel mezzo del carcere, dove si respira aria di entusiasmo, interesse, voglia di fare ed imparare tutti insieme e , per i detenuti, voglia di lasciarsi alle spalle la vita precedente per crearne una migliore. grazie e complimenti di cuore.

  16. Silvia ha detto:

    Complimenti ! Ottimo lavoro

  1. 15 febbraio 2018

    […] *** SUL BLOG ‘FUNKYPRIZE’ *** Commentando questo post con la nostra candidatura […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.